La Stampa – Le virtù del buon politico

nel solito zapping informativo leggo con interesse un ottimo articolo di massimo gramellini (( La Stampa – Le virtù del buon politico.))

certo il finale è per grillo e devo dire mi sembra un po’ forzato, messo lì.

se non lo avesse fatto certo avremmo potuto pensare a grillo ma avremmo sicuramente pensato al fondo delle questioni presentate da gramellini, che sono le più importanti, indipendentemente da grillo.

comunque sempre ottimo gramellini !  Ha ragione, l’unico problema è che siamo a un passo dalla violenza di piazza, perchè le gente è allo stremo.

Dopo Grillo, ci saranno le banlieue, e di questo politici e giornalisti sembrano non rendersene conto.

L’appello non va fatto a Grillo: l’appello va fatto al restante 70% ( diremmo 75…) della politica di professione che, anche dopo l’esito elettorale, si sta dimostrando incapace di rinnovare il marciume dei partiti, in termini di capacità di selezione della rappresentanza dei cittadini e rinnovamento degli apparati dirigenziali.

Penati ieri è stato prescritto,(( http://www.giornalettismo.com/archives/809759/penati-la-prescrizione-che-salva-il-pd/))   poche ore fa in MPS c’è stato un suicidio illustre: mafia e politica sono la stessa cosa.

E di che si parla ai vertici di partito ? 

Inutile parlare di Grillo, direi, visto che Penati era il numero due di Bersani e Renzi è già andato a prendere appunti da Mario Monti.

caro gramellini: tanti bei discorsi, bell l’appello accorato ai valori supremi, ma i fatti ci massacrano.

penati provincia 2

Annunci

2 thoughts on “La Stampa – Le virtù del buon politico

  1. Mah, io da vent’anni in sicilia vedo di peggio e rivolte non ce ne sono state. Non parlo dei magistrati e poliziotti e imprenditori, e innocenti massacrati, ma dello stato di schiavitù in cui versa una parte cospicua dell’isola… e mi fermo qui.

    Ora, se il resto d’Italia dimostra la pazienza (inerzia?) dei siciliani non ci saranno né sollevazione né disordini che diano vero fastidio.

    Però attenzione, un terzo del Parlamento italiano è stato sostituito, forse si riesce a fare una rivoluzione politica senza bisogno di barricate di Piazza, anzi ci siamo in mezzo se non viene fermata.

  2. serve che il 25% di quelli che non hanno votato , votino 5 stelle. non so se faranno bene. molte idee non mi piacciono. molte le trovo assurde. ma detto questo o rivoluzione parlamentare e in qualche modo pacifica o sangue in piazza. ovvio che si preferisca la prima, ma temo per la seconda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...