romano l’ex-qualcosa parla.

segnalo volentieri quanto possa essere pusillanime (inteso proprio come dal latino tardo pusillanimis, composto di pusillus ossia meschino e animus, ossia animo) il nostro ex-qualcosa romano prodi.

pode prodi

durante un’intervista a repubblica.tv il nostro ex-qualcosa da bravo pusillanime ha dato prova del suo coraggio, sobrietà e bon ton commentando a cadavere caldo le qualità della maggie.

>>link alla notizia http://www.liberoquotidiano.it/news/1219276/Thatcher-Prodi-Fu-la-madre-della-crisi.html<<

ho espresso la mia opinione su Maggie e credo che molto altro si possa dire a riguardo, ma la definizione del prode prodi di “La Tatcher è stata la madre della crisi globale” mi sembra più da bar dello sport condita da dente avvelenato che dettata dalla pacatezza e sobrietà con cui ha cercato di apparire nel corso degli anni.

c’è gente (il PD, senza far nomi) che propone Prodi presidente della repubblica, ragazzi!!
aggiungo questo: http://www.daw-blog.com/2013/04/08/prodi-la-thatcher-madre-della-crisi-economica-parla-lui-che-ci-ha-portato-nelleuro-che-la-lady-di-ferro-detestava/

a margine ricordo solo rapidamente quali danni ha fatto il prode-prodi come autore prima della gestione IRI e poi delle privatizzazioni appoggiate agli amici e ai capitani coraggiosi con le pezze al culo pagate con i soldi degli altri (i nostri).

ricordiamoci sempre che Prodi è quello che (da professore universitario di economia) ci ha fatto entrare nell’euro, solo oggi possiamo finalmente dire senza passare per eretici ed antieuropeisti quanto sia stato svantaggioso il cambio lira/euro fissato a quel tempo, tanto per fare un favore alla solita germania.

un’altra considerazione: Prodi, da economista, non poteva non sapere che le rigidità del cambio imposte dall’euro si sarebbero dovute scaricare sui salari, generando l’attuale macelleria sociale e la profonda crisi delle imprese (anche per l’assurdità di avere una moneta lontana dai propri fondamentali economici).

Sono poi in discussione i pilastri stessi dell’architettura europea (i famosi parametri di Maastricht, tanto per fare un esempio), da più parti riconosciuti ormai come assurdi.

da presidente della commissione europea, ha spianato la strada ad un allargamento europeo quantomeno discutibile (nei tempi, nei modi), privo come abbiamo visto , delle più elementari basi comuni e rispetto delle regole. ma l’ideologia a cui fa riferimento il il prode romano gli aveva chiesto di allargare il mercato e lui ha prodamente obbedito. Insomma dentro tutti, i problemi li risolverà dopo qualcun altro.

Non era forse Prodi quello che sorridendo ci proponeva di aderire con entusiasmo a questo magnifico “sogno” europeo?

Ecco: la verità è che oggi, guardandoci in faccia, non sappiamo più se stiamo vivendo un sogno o un incubo.

(per i più interessati, c’è anche articolo scritto sul Sole24 da Romano Prodi:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-04-09/cambiato-mondo-preparato-crisi-063619.shtml?uuid=AbzcpRlH )

Annunci

7 thoughts on “romano l’ex-qualcosa parla.

  1. A completamento, vorrei rimarcare il paternalismo con il quale Prodi &Co hanno, di fatto, accompagnato la decisione di entrare nell’euro. Ai tempi, non c’è stata alcuna discussione pubblica, alcun Referendum su una scelta così importante e fondamentale per il futuro.
    Certo, in un’ottica paternalistica, il popolo non sa cosa è giusto per sé. Per fortuna, lo sanno i politici che prendono le decisioni giuste.
    Ecco, questo è l’atteggiamento con il quale da 20 anni ci ripetono che la soluzione è sempre “più Europa”. Anche dopo la sonora bocciatura della Costituzione (Francia e Olanda) e l’evidente drammaticità della situazione odierna, che mostra una totale mancanza di volontà di cooperazione tra paesi “fratelli” di ciò che aspirerebbe a essere una Unione (si veda l’agghiacciante caso Grecia)
    Grave sbagliare. Ma, più grave ancora, non ammettere di aver sbagliato. Anche di fronte ai fatti.

  2. …con un po’ di cinismo, qualcuno, potrebbe poi aggiungere (certo, un po’ malignamente) che il personaggio abbia voluto dire “qualcosa di sinistra” in vista delle imminente elezioni presidenziali.

    Grazie, compagno Presidente. Nel frattempo, avanti tutta con l’Euro-austerità (perchè l’ideale europeo è di sinistra)

    😉

  3. Ebbè, al PD ormai si son fatti superare a sinistra persino dal Silvio.
    Dice anche che alle ultime elezioni, per andare a raccattare l’8% di voti del centro, ne hanno lasciati un 18-20% a sinistra, riversati nel 5 Stelle. Quando si dice la strategia ! Hai voglia a dire cose di sinistra…

    • Il PD è una creatura massonica, non c’entra nulla con la Sinistra. Purtroppo moltissimi, tra cui mio padre, votano per inerzia, votano il PD perché quello sanno fare, convinti che sia l’erede del PCI.

      La massoneria, che è sempre attenta al simbolismo, perché niente viene occultato quanto ciò che è palese, ha perfino usato la stessa sigla che utilizzava in passato nelle sue logge: P.D (P.DUE). “Ciò che è misterioso prima o poi viene scoperto, ciò che è ovvio mai”.

      D’altronde l’Italia stessa nasce dalla massoneria, non c’è alcuna stranezza in questo. IL PD è reso perfettamente organico al progetto, avrebbe funzionato se non ci fosse stato l’imprevisto M5S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...