perbenismo alieno

pallone-2b2

la cosa in se sarebbe anche giusta. ma, come al solito, l’europa dei burocrati, il politicamente corretto, l’attenzione per le minoranze, le problematiche dell’integrazione o il desiderio di pace universale, il ripudio della guerra, il perbenismo , il napisan e l’amuchina usati anche per lavare la frutta come se fosse il peggiore dei pannolini prodotti dal piccolo bipede:  il tutto per avere un mondo perfetto e privo di ogni batterio…

certo, è anche vero che son tutte battaglie giustissime e nessuno si permette di dubitarne. aggiungiamo poi che qualche mente malata di perfezionismo in giro c’è: scollegata dal mondo reale a forza di auto convincersi che siamo tutti uguali, e che dovremmo marciare all’unisono nella stessa direzione.

bene, poi il mondo migliora se non ci insultiamo, se capiamo gli altri con i viaggi e gli scambi culturali, se ci si sposa tra persone di diversa origine, nazione, provenienza e credo. ma ahimè, il mondo, a dispetto di chi lo desidera, non è perfetto.

e così, la risposta migliore sta nella provocazione fatta dalle stesse squadre di calcio e rispettive tifoserie che, è vero, hanno anche al loro interno dei teppisti che andrebbero facilmente sradicati, ma che contengono la maggioranza di tifosi felici di fare e subire sfottò:  magari pesanti, magari volgari o privi di ogni senso, ma a volte geniali, folgoranti,  riassuntivi ed esilaranti.

ebbene, è bastata mezza giornata e gli ultras stanno subito dimostrando che quando non sono d’accordo con autorità e regolamenti italiani o europei, reagiscono alla svelta. E sono kaxxi…

insomma al divieto posto dal potere sovranazionale ed alieno, la risposta (anche qui geniale e provocatoria, come si addice ad uno slogan di curva) è “sfottiamoci di comune accordo”.

diciamolo al terrone che è un terrone e puzza o al milanese che vorremmo vederlo bruciare e vediamo se l’euroburocrate ci manda le portaerei e i pattugliatori, o se ci circonda gli stadi con le teste di cuoio.

occuparsi delle cose serie è troppo difficile, sopratutto per i burocrati che hanno preso il senso della nostra vita come una vera malattia infettiva. inutili parassiti regolatori del nulla e despoti delle vite altrui.

qualche articolo, tanto per fare due risate, qui ( inter), oppure qui ( juventus). anche se personalmente trovo poco di che ridere.

c’è poi anche la tradizione del campanilismo tutto italiano: che dire delle storiche rivalità tra Paesi, Contrade, Città ? che dire del vero e proprio odio tra le opposte fazioni che perdura da secoli ? Non so, aboliamo il Palio di Siena ? Vietiamo gli sfottò al bar tra Parma e Piacenza ??

ecco, viene allora il sospetto che tutta questa “precisione” nel voler applicare certe norme (peraltro giuste, per carità, ripetiamolo e non fraintendiamoci) possa diventare lo scaltro paravento di un atteggiamento ipocrita che sta invece nascondendo la progressiva distruzione di intere generazioni di italiani ed europei, senza più un lavoro, senza più diritti e senza prospettive di un futuro.

come dire: inflessibili sullo sfottò allo stadio, ma indifferenti alla violenza generalizzata che accompagna la perdita dei diritti cui stiamo assistendo, e istituzionalizzata fino alla vera e propria riscrittura della Costituzione…