Buone letture

Splendida recensione letteraria da parte dell’amico Giò, il cui blog è sempre un piacere per la mente e per lo spirito. Vite in cambio, di Santino Gallorini. Sul blog trovate anche tutti i riferimenti per la presentazione e l’incontro con l’autore, il 13 Febbraio 2015 presso la Biblioteca Comunale di Bibbiena (AR)

Leggete, ragazzi, perché questo è uno dei pochi antidoti rimasti contro la desertificazione imperante. In questo caso, poi, si tratta anche di un bel libro!

🙂

Annunci

9 thoughts on “Buone letture

    • A te !! 🙂 — Tra l’altro, mai come in questo momento le letture ambientate nel periodo della seconda guerra mondiale aiutano nella riflessione di un contesto storico che sembra lontano nel tempo ma che è invece estremamente presente e attuale (per rendersene conto basta guardare alle drammatiche tensioni in Ucraina, o alle profonde divisioni in seno all’Europa che tutt’ora permettono assurdità come la sofferenza del popolo greco, tanto per dire). Ovviamente, se torniamo al libro, credo siano importanti gli scavi e le introspezioni psicologiche, l’umanità in gioco, la speranza di poter essere migliori. E’ un libro che parla di noi, che parla degli uomini.

      • Gli spettri inquietanti che si aggirano per le carcasse della vecchia Europa negano le storie e la memoria, fingono di conoscere la natura umana e la reinterpretano seppellendo i messaggi che vengono da non troppo lontano nel tempo. Riscoprire i libri è il contrario di bruciarli, ignorali è gettarli in fiamme certo meno cruente; ma quanto sono davvero così meno deplorevoli?

        • Anzi, ti dirò: bruciare un libro equivale a richiamare l’attenzione testimoniandone la paura di chi lo osteggia e l’importanza di chi lo scrive. Se invece lo getti in pasto al sovraccarico del rumore informativo puoi davvero disinnescarlo condannandolo ad una sostanziale indifferenza generale.
          Dopotutto, “ognuno vale uno”, no? 😉

  1. @nottebuia
    vado lievemente OT, pero’ e’ incredibile come negli ultimi anni si torni a parlare di Germania, si tornino a fare classifiche tra popoli virtuosi e PIGS (pessimo acronimo, tra l’altro) peccatori.

    • Una retorica intollerabile che divide in buoni e cattivi ma che in realtà serve a coprire un certo mercantilismo. Purtroppo è un film già visto in diverse edizioni: il fatto che in pochi lo riconoscano è la dimostrazione che c’è ancora da studiare tanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...