Senato e Referendum

sino_22

Riformulando: Volete voi farvi prendere in giro?

Ma si dai: è una delle battute che stanno già circolando in rete, però tu ‘na spiegazione razionale non ce la dai?

No, non ve la do perchè onestamente non ho ancora sentito una giustificazione semplice, limpida, cristallina, pienamente convincente per il si. Anzi, non solo voterò NO, ma auspicherei una riforma in direzione diametralmente opposta che garantisse un rapporto pressoché diretto tra chi viene eletto al Senato e l’elettore. Detto in altri termini: NOI votiamo, NOI scegliamo. Serve altro?

Secondo me, no. Il ritornello è sempre lo stesso: vi devono smantellare i diritti civili, la sovranità, la democrazia, per accaparrarsi quel minimo di benessere che era stato creato e che non può esservi tolto se non sottraendovi potere. Insomma, sempre lo stesso discorso.

Vi ricordate qualche anno fa quando il fulcro del ragionamento era imperniato sul fatto che bisognasse eliminare il Senato per abbattere “i costi della politica”? La Casta, la Cricca ??? Su questo andammo a fare due rapidi conti della serva, sverniciando piuttosto in fretta il luogo comune.

Oggi sento invece “ragionamenti” ben più tragici. Stile: siamo impantanati, facciamo qualcosa per smuovere e ripartire. Che è come dire: ho l’unghia incarnita quindi mi amputo un piede: l’importante è dare una scossa alla situazione. Not in my name, per carità.

Annunci